Benessere Estetica Fitness Terme... video fitness di Enrico dell'Olio fitness e allenamento Alcuni dei Miti e Leggende che girano in palestra in relazione ad Allenamento e Alimentazione parte 1

I VIDEO PER IL TUO BENESSERE

Tutti i consigli per stare bene in formato video
 la comodità di stare a ascoltare, osservare...
imparare il benessere ...

Massaggio antistress TIB (livello Master Practitioner)

HOMEPAGE

Estetica

Hairstyle

Terme

Fitness

Massaggi

Dimagrimento

    Uomo   

Prodotti Dietetici

Vacanze

DIETA VEGETARIANA: UNA VITA VEGETARIANA, LA TRANSIZIONE

 

UNA VITA VEGETARIANA: LA TRANSIZIONE

LUCIANA BARONI SOCIETA’ SCIENTIFICA DI NUTRIZIONE VEGETARIANA - ONLUS edizione integrale: http://www.geocities.com/associazioneamrita/

Alcune persone decidono di passare ad una Dieta Vegetariana in modo drastico, altre preferiscono un approccio più graduale. La seconda modalità permette di effettuare una transizione più fisiologica e dà il tempo di provare molti nuovi modi di soddisfare le esigenze nutrizionali.
Ecco qualche consiglio per un passaggio graduale. Fate una lista dei cibi e dei menu che consumate abitualmente. Identificate tra questi i cibi vegetariani, e considerateli come punto da cui partire.
Programmate di consumare un pasto vegetariano diverse volte alla settimana usando i cibi che più vi piacciono. Aggiungete più pasti vegetariani rivisitando le vostre ricette preferite ed imparate a conoscere il tofu e il seitan, gli alimenti alternativi al latte (latte di soia, di riso, di mandorle, yogurt e budini di soia o riso) e a valorizzare la cucina italiana tradizionale a base di cereali e legumi.

Ampliate le vostre scelte cercando nuove ricette nei libri di cucina e provando nuovi prodotti nei negozi di alimenti.

Molti piatti vegetariani possono essere preparati senza ricetta o senza passare troppo tempo in cucina. Fate una lista di piatti vegetariani che potete mangiare fuori casa, in bar, ristoranti, supermarket e gastronomie.

Valutate se i vostri pasti comprendono una buona varietà di cereali integrali, di legumi e di prodotti a base di soia, di verdura e frutta, tutti i giorni. Se non è così, cercate di equilibrare il vostro menu.

Siate creativi nel programmare i pasti, aumentate il consumo di legumi e verdure mangiandoli sia a pranzo che a cena.

Provate spesso nuovi cibi, nuovi cereali come couscous, quinoa, bulghur, orzo, chicchi di grano e verdura e frutta utilizzate comunemente in altre cucine, come il cavolo cinese e le alghe (come la nori, kombu, hiziki, ecc.).

La varietà dei cibi è la migliore garanzia che la vostra alimentazione sia sana e il concentrarsi sugli aspetti positivi del cambio di alimentazione, piuttosto che sul rimpianto per i cibi che decidete di eliminare, è un ingrediente psicologico fondamentale per un passaggio sereno alle nuove abitudini a tavola.

Un altro efficace sistema consiste nell’eliminazione progressiva di determinati cibi animali, da effettuarsi a ritmo settimanale, sempre facendo attenzione ad apportare al vostro organismo adeguate quantità di nutrienti provenienti da fonti alternative

Per esempio, eliminando la carne “rossa” la prima settimana, la carne “bianca” la seconda, il pesce la terza, poi le uova e i latticini... dopo sei settimane vi troverete ad essere vegani!

 

ORGANIZZARSI E SCOPRIRE CIBI NUOVI

Spesso i novelli o aspiranti Vegetariani si chiedono con sgomento “Cosa posso mangiare?”. Ma in realtà molti dei piatti tradizionali della cucina italiana sono già Vegani, e altri possono diventarlo con piccole modifiche. Esistono innumerevoli risotti Vegetariani, molti condimenti per la pasta, varie zuppe e minestre a base di verdure e legumi, torte salate di verdure, legumi cucinati in vari modi, e tutti i piatti di verdura che siamo abituati a considerare come “contorno” possono diventare ottimi secondi aumentandone semplicemente la quantità.
Senza contare tutte le insalate, arricchite con semi oleosi e noci tritate, alghe e germogli, ricchi di Vitamine, Minerali e Proteine. All’eventuale obiezione: “Ma a me non piace la verdura!” possiamo rispondere facendo osservare che “la verdura” la devono mangiare anche i non-Vegetariani, perché contiene Vitamine, Minerali e Fibre, indispensabili al nostro organismo. Quindi non è che chi è vegetariano debba mangiare “più verdura” degli altri. Non è quella che comunemente viene definita “verdura” (cioè insalata, carote, verdura cotta, ecc.) che deve andare a sostituire la carne. Questa va sostituita da legumi, cereali, noci e nocciole, ed eventualmente soia e derivati o seitan. Perciò, essere Vegetariani è davvero molto facile, anche senza introdurre alcun “cibo nuovo” nella nostra dieta. Già che ci siamo, però, perché non esplorare anche nuovi e gustosi cibi, tradizionali in altre culture?

Cereali: oltre a riso e pasta di grano duro, esistono molti altri cereali che possiamo mangiare, ciascuno con un gusto diverso. Provateli in zuppe, polpette, sformati, o in fiocchi e nei dolci: farro, orzo, quinoa, grano saraceno, miglio, avena, segale, orzo, frumento (anche nei suoi derivati, cous cous e bulghur) e mais. La germogliazione dei chicchi ne esalta il contenuto in Nutrienti.

Legumi: possono essere utilizzati in zuppe, in stufati, come purea, e crudi germogliati; in forma di farina possono essere usati per gustose frittate (ed esempio di ceci). Anche la soia è un legume, ma solitamente viene usata già lavorata in forma di latte, tofu, o di soia ristrutturata disidratata. La scelta tra i legumi è ampia: lenticchie, piselli, fave, fagioli borlotti, fagioli cannellini, fagioli bianchi di Spagna, fagioli neri, fagioli rossi, azuki (detta “soia rossa”), ceci, cicerchie, piselli secchi spezzati, lenticchie rosa, soia verde.

Semi: i semi delle varie piante sono ricchi di Vitamine e Minerali e preziosi nella dieta di tutti. Aggiunti a insalate, o ai condimenti della pasta, costituiscono un gustoso “additivo” del tutto naturale! I più diffusi sono i semi di zucca, girasole, papavero, lino, sesamo, amaranto. Una miscela di semi di sesamo tostati e pestati con l’aggiunta di sale integrale, è un ottimo condimento per le insalate, che viene chiamato “gomasio” e può essere comprato in tutti i negozi di alimentazione naturale, anche arricchito con alghe tritate (attenzione, è molto salato). Altri semi (crescione, alfa-alfa) possono essere usati come germogli.

Noci: ricche di Proteine, Minerali, Vitamine e Olii vegetali. Ottime a colazione, nel muesli o da sole, tritate nelle insalate e nei dolci, sulla pasta, oppure in paté da spalmare. Le più comuni sono: noci, nocciole, pinoli, mandorle, noci brasiliane, anacardi, arachidi.

Alghe: sono un cibo ricco di Iodio e Calcio, e sono tradizionali nei Paesi orientali. Si possono aggiungere in pezzi alle zuppe di legumi, per rendere gli stessi più digeribili, oppure nel ripieno in torte salate, grattugiate o spezzettate sulle insalate, e nella pasta.

Latte di soia: ricchissimo di Proteine, si può trovare aromatizzato in vari modi (vaniglia, cioccolato, ecc.) e arricchito con varie Vitamine e Calcio. Il gusto varia molto tra una marca e l’altra. A un palato non abituato può risultare non gradevole se bevuto da solo, ma accompagnato con caffè, cacao, orzo solubile, oppure in forma di budini e yogurt diventa decisamente appetibile. Può essere usato nella preparazione dei dolci al posto del latte, e non lascia alcun retrogusto.

Proteine ristrutturate di soia: si presentano in forma di “bistecche” o “spezzatino” di soia disidratato, e vanno fatte rinvenire nel brodo vegetale per qualche minuto prima della cottura. Possono essere cucinate come il tradizionale spezzatino, o come scaloppine in padella, e hanno il vantaggio di acquisire l’aroma del sugo di cottura, partendo da una base neutra. Sono molto ricche di Proteine, ma non contengono altri nutrienti, per cui è meglio non abusarne, e accompagnarle sempre con verdure.

Tofu: anche se viene definito ”formaggio di soia” non ha niente a che vedere coi latticini, come sapore. Ne esistono moltissime varietà, con sapori molto diversi tra loro. Pochissime varietà sono buone mangiate “al naturale” con semplice olio e sale, ma tutte sono ottime da usarsi in torte salate, stufati, o sformati, perché assumono il gusto degli altri ingredienti della pietanza. Anche il tofu è un alimento ricco di Proteine.

Seitan: è un alimento a base di glutine di frumento, iperproteico. Viene venduto in vari formati: affettato per panini, aromatizzato con vari sapori; affumicato; a fette da mettere in padella; “informe” per spezzatini e stufati. Al contrario del tofu, è molto buono anche mangiato al naturale. Il suo aspetto ben si presta a creare delle “imitazioni” della carne, quindi lo troviamo anche in forma di wurstel, di arrosto, di mortadella, ecc.

Surgelati a base di soia e seitan: ovviamente è bene non basare la propria dieta sui surgelati, ma ogni tanto fanno comodo! Esistono oggi varie cotolette, hamburger, wurstel, ecc. a base di soia e seitan che sono davvero ottimi al palato, e, pur trattandosi sempre di surgelati e quindi non troppo salutari, lo sono comunque molto di più degli analoghi a base di carne.

Indice alimenti dietetici e macrobiotici - Alimenti dietetici e macrobiotici AbruzzoAlimenti dietetici e macrobiotici Basilicata - Alimenti dietetici e macrobiotici Calabria - Alimenti dietetici e macrobiotici Campania - Alimenti dietetici e macrobiotici Emilia Romagna - Alimenti dietetici e macrobiotici Friuli Venezia Giulia - Alimenti dietetici e macrobiotici Lazio - Alimenti dietetici e macrobiotici Liguria - Alimenti dietetici e macrobiotici Lombardia - Alimenti dietetici e macrobiotici Marche - Alimenti dietetici e macrobiotici Molise - Alimenti dietetici e macrobiotici Piemonte - Alimenti dietetici e macrobiotici Puglia - Alimenti dietetici e macrobiotici Sardegna - Alimenti dietetici e macrobiotici Sicilia - Alimenti dietetici e macrobiotici Toscana - Alimenti dietetici e macrobiotici Trentino Alto Adige - Alimenti dietetici e macrobiotici Umbria - Alimenti dietetici e macrobiotici Valle D'Aosta - Alimenti dietetici e macrobiotici Veneto


Indice Dieta e Dimagrimento   - Dimagrimento Abruzzo - Dimagrimento Basilicata - Dimagrimento Calabria - Dimagrimento Campania - Dimagrimento Emilia Romagna - Dimagrimento Friuli Venezia Giulia - Dimagrimento Lazio - Dimagrimento Liguria - Dimagrimento Lombardia - Dimagrimento Marche - Dimagrimento Molise - Dimagrimento Piemonte - Dimagrimento Puglia - Dimagrimento Sardegna - Dimagrimento Sicilia - Dimagrimento Toscana - Dimagrimento Trentino Alto Adige - Dimagrimento Umbria - Dimagrimento Valle d'Aosta - Dimagrimento Veneto

 

BENESSEREDOC (© 2005-15) - filo diretto con la bellezza... perché il benessere è un sorriso - Partiva IVA: 01543360992

Il sito non costituisce testata giornalistica   -   Pubblicità e Registrazione   -   Contatti   -   Cookie   -   Privacy